parlamento dl sostegni bis

Dl Sostegni Bis, approvati gli emendamenti di Italia Viva

Via libera a una serie di emendamenti proposti dal Gruppo Parlamentare Iv, in merito al Dl Sostegni Bis, 15 luglio 2021.

La Camera dei Deputati ha approvato il Dl Sostegni bis, con 363 voti favorevoli, 9 no, e 38 astenuti. Il decreto, dunque, è atteso in Senato, dovrà essere convertito in legge entro il prossimo 24 luglio, per la decadenza fissata il 25.

Il Dl Sostegni Bis comprende un pacchetto di aiuti per circa 40 miliardi di euro destinati a lavoratori, imprese e famiglie in difficoltà economica a causa del Covid-19, è stato finanziato attraverso uno scostamento del deficit approvato dal Parlamento, oltre una dote di circa 800 milioni di euro e di risorse non spese sul fondo perduto precedente. In totale, le misure adottate dal Parlamento valgono circa 2,9 miliardi. Dall’esame degli emendamenti in commissione Bilancio sono state 270 le modifiche e le norme aggiuntive sbarcate alla Camera per il voto. Fra questi, sono numerosi gli emendamenti proposti dal Gruppo Parlamentare di Italia Viva che hanno visto l'approvazione.

Ad esempio, l'emendamento 1.07, che -  a firma di Mauro Del Barba - prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto nel limite di spesa di 100 milioni di euro per il 2021 a favore delle imprese operanti nei servizi di ristorazione collettiva.

E ancora, l'emendamento 1.47, sempre a firma di Mauro Del Barba, che riconosce ulteriori contributi in favore dei soggetti titolari di reddito agrario nonché ai soggetti che hanno conseguito ricavi superiori a 10 milioni di euro, ma non superiori a 15 milioni di euro, nel secondo periodo d’imposta antecedente a quello di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, in possesso degli altri requisiti previsti per il riconoscimento dei contributi previsti dal Decreto Sostegni (d.l. n. 41/2021).

L'emendamento 73.023, a cura di Raffaella Paita e Mauro Del Barba, incrementa il fondo a sostegno del settore turistico istituito con il decreto Rilancio (d.l. n. 34/2020) di 10 milioni di euro per il 2021. Tale somma costituisce limite di spesa per l’erogazione di contributi in favore delle guide turistiche e degli accompagnatori turistici titolari di partita IVA non risultati beneficiari del contributo di cui al decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo n. 440 del 2 ottobre 2020.

Con l'emendamento 35.05, a firma di Mauro Del Barba, si istituisce un fondo pari a 1000 milioni di euro annui a decorrere dal 1° gennaio 2022 per il concorso al rimborso alle regioni delle spese sostenute per l’acquisto di farmaci innovativi. A tale proposito, ha commentato Lisa Noja, parlamentare Iv: "Siamo soddisfatti che sia stata approvata la proposta di Italia Viva di istituire un fondo unificato, a partire dal 1 gennaio 2022, per il rimborso alle Regioni delle spese sostenute per l'acquisto di farmaci innovativi. Una norma che porterà un vantaggio sia alle Regioni sia ai pazienti". "L'emendamento ha unificato i due fondi distinti, per i farmaci innovativi e per i farmaci innovativi oncologici, istituendone uno solo del valore di 1 miliardo di euro, al fine di superare le criticità emerse e favorire l'innovazione nel settore farmaceutico oltre che garantire la somministrazione di medicinali destinati alla cura di gravi patologie all'interno del sistema sanitario nazionale. La certezza dei tempi di rimborso assicurerà ai pazienti l'accesso all'innovazione farmaceutica ed eviterà ritardi che potrebbero portare a gravi conseguenze anche nelle cure", ha spiegato Noja.

L'emendamento 8.17, a firma di Mauro Del Barba e Giusy Occhionero, prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per un importo complessivo di 60 milioni di euro per il 2021 a favore delle imprese operanti nei settori del wedding, dell’intrattenimento e dell’HORECA (Hotellerie-Restaurant-Catering). 

"La decisione del governo di stanziare, su proposta di Italia Viva, delle risorse a sostegno degli operatori nel settore degli eventi e della ricettività - ha sottolineato la parlamentare Giusy Occhionero - è un riconoscimento giusto e doveroso per una realta' dell'economia italiana colpita in modo particolarmente duro dall'epidemia". "L'erogazione di contributi a fondo perduto per un importo complessivo di 60 milioni di euro per il 2021 a favore delle imprese operanti nei settori del wedding, intrattenimento e dell'Horeca offrirà al comparto uno strumento per attenuare i danni prodotti dalla sospensione dei flussi turistici, permettendo in questo modo a tante imprese di intercettare la domanda garantita dalla ripresa dell'attivita' turistica", ha spiegato Occhionero.

Con l'emendamento 73.038, a firma di Sara Moretto, viene rifinanziato per il 2021 il fondo per l’erogazione di contributi statali a favore di chi acquista, anche in locazione finanziaria, e immatricola in Italia, dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, un veicolo di categoria M1 nuovo di fabbrica, con prezzo risultante dal listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice inferiore a 50.000 euro IVA esclusa è rifinanziato. Il rifinanziamento è per un totale di 350 milioni di euro (limite massimo di spesa) ripartiti in base alle categorie di appartenenza dei veicoli.

L'emendamento 30.6, a cura di Giusy Occhionero e Mauro Del Barba, autorizza la spesa di 10 milioni di euro per il 2021 per la dematerializzazione e la digitalizzazione degli archivi della Sanità militare e di 1,5 milioni di euro per il 2021 per la dematerializzazione degli archivi e la digitalizzazione dei processi di lavoro del Servizio sanitario del Corpo della Guardia di Finanza. “Le risorse stanziate per il processo di dematerializzazione e la digitalizzazione degli archivi della sanità militare daranno un importante contributo per razionalizzare la gestione di informazioni delicate e insieme liberare spazi all’interno delle strutture militari”, ha dichiarato Occhionero, capogruppo di Italia Viva in Commissione Difesa della Camera. “Si tratta di 10 milioni di euro destinati agli archivi della sanità militare e 1,5 per quelli del Servizio sanitario del Corpo della guardia di finanza che accelereranno il processo di dematerializzazione degli archivi con vantaggi sia in termini di efficienza che di risparmio di risorse”, ha concluso Occhionero.

L'emendamento 7.022, a cura di Sara Moretto e Mauro Del Barba, garantisce i cicli di riabilitazione termale motoria e neuromotoria, per la riabilitazione funzionale del motuleso e per la riabilitazione funzionale respiratoria e cardiorespiratoria da effettuare negli stabilimenti termali che concorrono a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Con l'emendamento 4.47, a firma di Mauro Del Barba, si prevede la concessione del contributo d’imposta previsto dal Decreto Rilancio (d.l. n. 34/2020) anche a favore delle imprese esercenti attività di commercio al dettaglio con ricavi superiori a 15 milioni di euro nel secondo periodo di imposta antecedente a quello della data di entrata in vigore del presente decreto, a condizione che abbiano avuto perdite del 30% tra il 1° aprile 2021 e il 31 marzo 2021 o, in assenza, ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019. Il credito di imposta spetta, rispettivamente, nella misura del 40% e 20%.

L'emendamento 7.17, di Marco Di Maio e Mauro Del Barba, incrementa la dotazione del Fondo per la promozione integrata di 50 milioni di euro per il 2021 (limite massimo di spesa).

L'emendamento 1.014, a firma di Mauro Del Barba, istituisce un fondo pari a 10 milioni di euro per il 2021 (limite massimo di spesa) a sostegno dell’erogazione delle prestazioni di istituzioni pubbliche di assistenza e beneficienza. Viene riconosciuto un contributo straordinario alle predette istituzioni in base a parametri definiti (costi per santificazione locali, adozione di DPI, adeguamento locali).

Con l'emendamento 71.9, a cura di Maria Chiara Gadda e Mauro Del Barba, si consente alle imprese agricole che hanno subìto danni a seguito degli eccezionali eventi meteorologici del 21 e 22 novembre 2020 in Calabria di accedere agli interventi previsti per favorire la ripresa dell’attività economica e produttiva. A tal fine, si incrementa il Fondo di solidarietà nazionale – interventi indennizzati di 1 milione di euro per il 2021.

L'emendamento 19.02, a firma di Mauro Del Barba, include i costi notarili e di iscrizione nel registro delle imprese, nonché le spese inerenti l’assistenza professionale e la consulenza tra i costi di costituzione o trasformazione delle società benefit.

L'emendamento 75.07, a cura di Gennaro Migliore e Mauro Del Barba, incrementa l’autorizzazione di spesa relativa alle indennità di servizio all’estero di 1,4 milioni di euro per il 2021 e di 5,4 milioni di euro per il 2022 per l’impiego all’estero di personale dell’Arma dei Carabinieri. In materia di assistenza sanitaria, si prevede la possibilità, per il MAECI, di stipulare una o più polizze assicurative per prestazioni sanitarie in caso di assistenza sanitaria non erogata in forma diretta, in caso di malattia o infortunio e per il trasferimento dell’infermo e dell’eventuale accompagnatore, a copertura dei rischi di morte, invalidità permanente o altre gravi menomazioni causate da atti di natura violenta o calamità naturali occorsi all’estero.

Con l'emendamento 65.23, firmato da Gabriele Toccafondi e Mauro Del Barba, si prevede la trasmissione entro il 31 dicembre di ogni anno: da parte della SIAE al MIC, del rendiconto dettagliato delle spese sostenute per la gestione delle attività svolte e l’elenco dei beneficiari del riparto dei compensi con relativi importi; da parte dei soggetti abilitati a ripartire il compenso al MIC e alla SIAE, il rendiconto dettagliato della destinazione delle somme, della ripartizione tra i beneficiari e delle spese sostenute strettamente connesse all’attività di ripartizione. Si prevede, inoltre, che la SIAE definisca modelli e procedure relativi alle attività di ripartizione, proceda a verifiche amministrativo-contabile. Definisce modalità di deposito, scambi e proiezioni di opere presso le Cineteche nazionali e stranieri, nonché la ripartizione dei compensi provenienti dalle suddette attività. L'emendamento prevede anche una disposizione che autorizza Invitalia a sottoscrivere strumenti finanziari per il rafforzamento patrimoniale delle imprese di medie dimensioni.

L'emendamento 63.07, infine, a firma di Raffaella Paita e Mauro Del Barba, prevede l’individuazione, da parte delle amministrazioni che rilasciano il permesso di costruire per nuove costruzioni di edifici residenziali, delle infrastrutture destinate all’installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica, per assicurare il collegamento tra l’ingresso dell’edificio e il più vicino nodo di connessione.