territori

Forlì, Di Maio: in arrivo 4 milioni per due interventi

L'intervento del parlamentare di Italia Viva, pubblicato da "Il Resto del Carlino", 8 agosto 2021

A Forlì arriveranno quasi 4 milioni di euro per 2 progetti finanziati dal Governo. Lo annuncia il deputato romagnolo Marco Di Maio. Forlì è la città destinataria del maggior importo in Romagna. «Un milione e 700mila euro saranno destinati a lavori sulla scuola dell'infanzia Manzoni in via Gorizia, mentre 2 milioni e 100mila euro - spiega - serviranno per la sistemazione del Centro per le famiglie di viale Bolognesi». Per il renziano «è l'ulteriore dimostrazione che il lavoro di squadra paga: un metodo al quale non abbiamo mai rinunciato e che ha consentito di produrre molti risultati». Il finanziamento della Manzoni consentirà di coprire quasi per intero i 2 milioni di euro previsti dal Comune  per demolire e ricostruire l'edificio esistente (l'amministrazione, che ha partecipato al bando per chiedere il finanziamento, ha a disposizione 500mila euro; ne serviranno, salvo imprevisti, 'solo' 300mila). La nuova scuola avrà tre sezioni da 30 bambini. L'attuale edificio ospita una classe delle elementari e tre sezioni dell'infanzia. Sarà costruito un nuovo immobile che accoglierà bambini tra i 3 e i 5 anni. Sarà poi costruito un secondo edificio, distinto dal primo, che ospiterà la scuola elementare. La domanda è: perché demolire e ricostruire? Perché si spende meno: i tecnici comunali hanno valutato che per il solo adeguamento sismico della Manzoni servirebbero 2,8 milioni di euro. I tempi dell'intervento sono di 36 mesi. Per quanto riguarda il Centro polifunzionale per la famiglia in viale Bolognesi 23, il progetto prevede la demolizione e la sua ricostruzione di due edifici distinti: uno per il Centro stesso, l'altro per il Centro per l'impiego di viale Salinatore, che dunque cambierà sede. Attualmente il Centro famiglie si trova su due piani (rialzato e primo); altri quattro - inagibili, ospitavano l'ex nido Piccolo blu - sono sull'adiacente via Serra (seminterrato, rialzato, primo e torretta). Grossomodo i lavori dovrebbero essere terminati nel giro di una quarantina di mesi. Il progetto costerà 2,5 milioni di euro; l'arrivo dei fondi era nell'aria già da giugno.