08/07/21
territori sanità

Crisi del personale nelle RSA venete, Bendinelli: "La Regione assuma professionisti"

La notizia pubblicata da "l'Arena", 8 luglio 2021.

«Non è cercando di piazzare gli operatori socio sanitari al posto degli infermieri che si risolvono i problemi delle carenze di organico nelle case di riposo venete. La Regione assuma professionisti che hanno studiato per fare questo mestiere, sancisca ulteriori accordi con le case di riposo e non cerchi scappatoie di dubbia legittimità con delibere che, in pratica, portano a sostituire il personale specializzato e adeguatamente formato con persone che il Consiglio di Stato ha già definito pochi giorni fa non essere professionisti sanitari ma personale di interesse sanitario». A dirlo è il deputato di Italia Viva e sindaco di Garda, Davide Bendinelli.

Nei giorni scorsi si è discusso della carenza di infermieri e della conseguente riduzione di servizi nelle strutture per anziani anche nel Veronese. A rischio c'è il prosieguo della attività di alcune di esse, come avvenuto nel bellunese. A riferire dell`emergenza era stata Elisabetta Elio, vicepresidente di Uneba Veneto, a nome degli 80 centri servizi per la terza età attivi nel Veronese.

Nel Veronese, secondo i dati riferiti manca, come in tutto il Veneto, il 30% degli infermieri: si tratta di più di 170 dei circa 500 previsti e la situazione peggiorerà visto che molti hanno partecipato ai concorsi della sanità pubblica e rimangono nei nostri Centri solo in forza del distacco tempora- neo possibile per disposizione regionale.

Secondo Elio, un aiuto potrebbe venire da una norma regionale che prevede di conferire mansioni infermieristiche a operatori socio sanitari. Una delibera contestata a livello nazionale sia dal Coordinamento degli Ordini delle Professioni Infermieristiche, che da un gruppo di parlamentari di Italia Viva, che hanno presentato un'interrogazione urgente al ministro della Salute Roberto Speranza. Fra i firmatari anche il deputato veronese Davide Bendinelli. A lui Uneba Veneto ha scritto: «la delibera regionale prevede che vengano dati compiti di supporto a operatori specializzati, che hanno affrontato un percorso formativo aggiuntivo e che sgravano in parte il lavoro degli infermieri senza sostituirli».

Uneba ha chiesto a Bendinelli cosa propone «per fronteggiare le criticità che stanno travolgendo il mondo dell`assistenza sociosanitaria e sociale».

Bendinelli ha risposto: «Ogni giorno leggo di appelli fatti dai professionisti della sanità, in particolare dagli infermieri, che si sentono sfruttati e sottopagati. Non mi pare che quelli che operano nelle case di riposo siano trattati meglio degli altri, anzi: se c`è una fuga dalle case di riposo un motivo ci sarà. Credo che la soluzione sia quella di prevedere incentivi contrattuali grazie ad accordi tra Regione e case di riposo e migliori stipendi per tutta questa categoria da subito. Se le persone sono adeguatamente pagate e tutelate, fanno volentieri il loro mestiere. Mi pare che in sanità molte cose vadano migliorate da subito. Il Recovery Fund può dare una mano».