parlamento sanità salute

Covid, Italia Viva deposita DDL per l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta

La proposta è a prima firma di Davide Faraone, sottoscritta da tutti i senatori Iv, 29 aprile 2021.

Con un disegno di legge formato da sette articoli, il gruppo di Italia Viva in Senato ha depositato la proposta per l'istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta "sulla diffusione dell'epidemia di Covid-19 la gestione dell'emergenza pandemica, nonché sulle misure adottate per prevenire e contrastare la diffusione del virus e le conseguenze derivanti al Sistema Sanitario Nazionale".

Nel testo del ddl a prima firma Faraone, sottoscritto da tutti i senatori di IV si legge che "la commissione nello svolgimento delle sue funzioni, si avvarrà dei poteri tipici dell'autorità giudiziaria, avrà il delicato compito di approfondire tutte le questioni più determinanti e controverse relative alla gestione complessiva dell'emergenza pandemica e delle relative misure adottate per far fronte alla crisi sanitaria".

Si tratta per IV di una commissione che "si rende necessaria alla luce delle numerose vicende controverse che hanno determinato l'avvicendarsi di episodi dai contorni ancora non del tutto chiari, circa le dinamiche che hanno portato alle decisioni più stringenti e alla gestione, non sempre trasparente, con la quale sono state adottate le misure per far fronte alla diffusione dei contagi, nonché in considerazione della tenuta del Paese e del suo tessuto economico e sociale, anche in virtù dell'alto numero dei casi registrati, giunti ad un totale prossimo ai 4 milioni, e, soprattutto, del numero di soggetti deceduti, ad oggi pari a oltre 117mila persone".

La commissione sarà composta, nella proposta di IV "da trenta senatori e da trenta deputati, scelti rispettivamente dal presidente del Senato e dal presidente della Camera, in proporzione al numero dei componenti dei gruppi parlamentari, comunque assicurando la presenza di un rappresentante per ciascun gruppo esistente in almeno un ramo del Parlamento e favorendo l'equilibrio nella rappresentanza dei sessi".

Compiti della commissione saranno in particolare quelli di "svolgere indagini e valutare l'efficacia, la tempestività e i risultati delle misure adottate da enti e da organismi nazionali, regionali e locali; indagare sulle cause e sulle responsabilità delle scelte strategiche per contrastare l'epidemia di Covid-19, sull'eventuale presenza di fenomeni speculativi, illeciti e corruttivi, sull'allocazione e sulla gestione delle risorse da parte del Governo, delle regioni, delle aziende ospedaliere e delle aziende sanitarie locali e sulle modalità di affidamento degli appalti pubblici e di selezione del personale medico; valutare l'efficacia e i risultati delle attività dell'Istituto superiore di sanità, del Comitato tecnico-scientifico e degli altri organi, commissioni o comitati di supporto ai decisori politici a ogni livello, valutare l'efficacia delle indicazioni fornite al nostro Paese da organizzazioni e da organismi internazionali e, in particolare, dall'Oms e il relativo impatto sul Servizio sanitario nazionale".

E ancora, "verificare eventuali inadempienze o ritardi nonché comportamenti illeciti o illegittimi da parte delle pubbliche amministrazioni, centrale e periferiche, e dei soggetti pubblici o privati operanti nei settori scientifico, sanitario, produttivo e commerciale ovvero aventi funzioni di controllo, accertando in particolare il livello di attenzione e la capacità di intervento nelle attività di prevenzione, di cura e di assistenza; verificare i contratti di appalto e di concessione e le operazioni di acquisto per la realizzazione di strutture sanitarie; svolgere opportune indagini relative alla negoziazione delle dosi di vaccino spettanti al nostro Paese, nonché all'efficacia del piano vaccinale predisposto, anche con riguardo alla mancata e tempestiva vaccinazione delle categorie di cittadini più fragili".

Chi lo desidera può leggere e scaricare il testo del DDL qui.