16/03/20
lavoro economia agricoltura Famiglie coronavirus imprese

Coronavirus, le misure per imprese, famiglie ed agricoltura

Decreto Cura Italia: tutti i provvedimenti.

Il Consiglio dei Ministri odierno ha dato il via libera al Decreto Cura Italia, l'atteso provvedimento contenente tutte le misure di sostegno al Paese, per far fronte all'emergenza Coronavirus.

Sono molteplici le misure previste per dare un concreto aiuto alle imprese, alle famiglie e al comparto agricolo.

La tranche di interventi a sostegno di imprese e lavoratori, che vale più di 10 miliardi, riguarda il sostegno all'occupazione, la difesa del lavoro e del reddito affinché nessuno perda il posto di lavoro a causa del Coronavirus.

Sono, infatti, previste risorse per 1,3 miliardi per il Fondo di integrazione salariale e 3,3 miliardi per la cassa integrazione in deroga che andrà a coprire anche le con un solo dipendente. Confermato anche il sostegno a tutti i lavoratori autonomi, stagionali e di altre forme, attraverso un assegno di 600 euro per il mese di marzo. Per gli autonomi e i liberi professionisti, inoltre, questo primo decreto stanzia circa 3 miliardi a tutela del periodo di inattività. Non solo: è prevista anche la sospensione dei contributi previdenziali, per tutte queste categorie.

Per quanto riguarda il sostegno alle famiglie, come evidenziato dalla Ministra per la Famiglia e le Pari Opportunità Elena Bonetti, le misure approvate dal Consiglio dei Ministri sono, in larga parte, frutto delle proposte di Italia Viva: "in questi giorni di lavoro per la definizione delle misure a favore delle famiglie in tanti mi avete chiesto quali provvedimenti il Governo avrebbe messo in campo e quando. Con soddisfazione posso dire che molte delle nostre proposte sono state approvate e saranno retroattive. Sono il frutto della collaborazione con i colleghi di governo ma anche delle vostre richieste, che ho letto in questi giorni e che ho rappresentato con tutta la responsabilità con cui vivo il mio incarico. Ancora molto dovremo fare, ma andiamo avanti insieme", ha spiegato la Ministra Bonetti, che - ai microfoni di Rai News 24, ha estensivamente esposto i provvedimenti, nel dettaglio.

Il capitolo di provvedimenti riguardanti le famiglie comprende l'estensione del congedo parentale a 15 giorni (con retribuzione al 50%); un voucher baby-sitter da 600 euro (1,6 miliardi stanziati con un bonus ulteriore "speciale" per il personale sanitario) per chi ha bisogno di accudire i figli fino a 12 anni; l'estensione dei permessi della legge 104, per il periodo marzo-aprile saranno estesi di 12 giorni (500 milioni stanziati); la sospensione delle rate dei mutui per la prima casa; il diritto al lavoro agile per i nuclei familiari con componenti disabili; la sospensione di una serie di pagamenti, tra i quali le cartelle di pagamento, gli atti di riscossione, contributi previdenziale i rate assicurative per i collaboratori domestici.

Chi lo desidera, può scaricare a questo indirizzo una card riassuntiva con tutti i provvedimenti dedicati alle famiglie.

Venendo al comparto agricolo, le principali misure per l'economia e per l'agricoltura comprendono lo stop ai mutui, prestiti e finanziamenti, per famiglie, imprese e professionisti, nonché il sostegno ad una piena liquidità per produttori e aziende; il rinvio delle scadenze previdenziali e fiscali, con particolare attenzione alle partite Iva; la tutela per tutti i lavoratori, siano essi dipendenti, autonomi, atipici o stagionali; un fondo straordinario del valore di 100 milioni di euro per le imprese agricole e per l'attività di pesca; ulteriori 100 milioni per consentire l'accesso al credito di imprese agricole, della pesca e del florovivaismo; un aumento dal 50% al 70% dei contributi PAC per gli agricoltori; 50 milioni in più destinati al Fondo Indigenti, affinché siano disponibili e distribuite le derrate alimentari; la cassa integrazione in deroga e speciali tutele per tutti i lavoratori anche stagionali del comparto agricolo, della pesca e del florovivaismo.

Inoltre, come ha sottolineato la Ministra per le Politiche Agricole, Teresa Bellanova, vengono destinati "6 milioni di euro all'acquisto di latte italiano che in questi giorni rischia di andare sprecato, a causa delle difficoltà che il settore sta attraversando anche in queste ore. Il latte sarà distribuito gratuitamente alle persone più bisognose. Con queste risorse possiamo arrivare a salvare dallo spreco e donare agli indigenti circa 180mila quintali di latte. Voglio ringraziare tutti i componenti del Tavolo indigenti del Ministero e in particolare gli enti caritativi, che hanno dato la loro approvazione molto rapidamente. Lavoriamo tutti uniti insieme ad allevatori e produttori affinché nemmeno un litro di latte venga perso".

"Stiamo dando una grande prova di senso civico", ha sottolineato la Ministra Bellanova, ribadendo l'appello all'acquisto di prodotti italiani e al contenimento dello spreco: "il pesce, la frutta, la verdura sono prodotti sani, che fanno bene alla salute e che dobbiamo continuare a consumare, perché il nostro cibo italiano era ed è controllato".

Chi lo desidera, può scaricare a questo indirizzo una card riassuntiva con tutti i provvedimenti destinati al comparto agricolo.