parlamento energia

Conzatti: "Centrale è la partita energetica"

L'intervento pubblicato da "l'Adige", 22 aprile 2022.

Semaforo verde della Camera e del Senato alla risoluzione di maggioranza sul Documento di economia e finanza. Il ministero dell'Economia sta già preparando un decreto legge per impegnare 5-6 miliardi di euro in nuovi aiuti. Tra le misure allo studio la proroga del taglio alle accise su benzina e diesel. Lo sconto scade il 2 maggio ed è costato circa 850 milioni per un mese.

Sul Def per Donatella Conzatti (Iv) dai danni provocati dal colpo di coda del Covid e soprattutto dalla guerra ucraina ci si proteggerà solo con un gioco di squadra europeo.

Donatella Conzatti (Italia Viva) si dissocia dalle forze che chiedono al premier di indebitarci per attenuare gli effetti nefasti della guerra. Per lei è centrale la partita energetica. «Il conflitto alle porte dell`Europa - fa sapere - rappresenta il rischio maggiore su tutti gli orizzonti di previsione economica. Gli altri sono legati strettamente ai fattori energetici. Diversi scenari simulano un significativo calo del Pil nel caso di ulteriori aumenti dei prezzi dei beni energetici o di una difficoltà di diversificazione del loro approvvigionamento». E conclude: «Italia Viva, non a caso e non da oggi, porta avanti un progetto di politica energetica nazionale che mira alla transizione verso le energie rinnovabili e all'incremento della produzione nazionale di gas naturale e alla diversificazione degli approvvigionamenti di gas naturale puntando sui gasdotti meridionali».