05/09/19
Governo Italia

Conte bis tra necessità e aspettative

Ci siamo! Oggi con il giuramento, nelle mani del Capo dello Stato, nasce ufficialmente il Governo Conte II.

Questo governo nasce, non tra mille difficoltà. In queste settimana abbiamo assistito, all'avvio delle trattative, poi ad uno stop (stop che faceva immaginare ad una fine della trattativa, senza esito positivo) e poi ad una ripresa, terminata positivamente.

 

Questa intesa fa emergere una cosa fondamentale, il governo che nascerà si compone di tre forze politiche che alle scorse elezioni si sono presentate le une contrapposte alle altre, ma che in queste settimane si sono unite (mettendo da parte il rancore) per dare all'Italia un nuovo governo.

 

Il programma di governo, appare come programma unico, di tutti ma soprattutto di svolta. Il governo è un governo di svolta, anche generazionale, che ora deve partire e lavorare "nell'interesse unico della nazione" (esattamente come dice la formula di giuramento del Presidente del Consiglio e dei Ministri).

 

Fin ad ora, una cosa è molto chiara: il governo deve portare a casa il blocco dell'aumento dell'IVA. Trovare 23 miliardi di euro per disinnescare le clausole di salvaguardia è la prima cosa da fare, perché solo così si potrà dire di essere riusciti nell'intento di non gravare sulle tasche delle famiglie (l'aumento dell'IVA costerebbe in più a famiglia circa 570€/anno).

 

Ma tanti altri sono i tasselli, ne cito solo due: il lavoro (creare nuovi posti di lavoro per i giovani) e l'immigrazione (tema molto importante, che va affrontato molto diversamente da come lo ha fatto Salvini).

 

Le basi ci sono e sono buone, si sta cercando di dare all'Italia un governo che possa rilanciare il nostro Paese, affrontando le tante sfide che ci attendono, sarebbe stato (credo) più irresponsabile un governo a scadenza, come così le elezioni a Ottobre/ Novembre, su questo ultimo passaggio, solo il tempo ci dirà chi aveva ragione, ora mi auspico di affrontare la restante parte di legislatura con l'esecutivo appena delineato.

 

Auguri ai Ministri, auguri al Presidente della Repubblica, auguri all'Italia!

 

di Antonio Colucci (Coordinatore Comitato Vero Imola)