Cittadinanza al personale medico straniero in prima linea nell'emergenza

Chiediamo di far acquisire la cittadinanza italiana a tutti i medici, gli infermieri e gli operatori socio-sanitari in possesso di permesso di soggiorno e contratto di lavoro regolarmente attivo prima che scoppiasse la pandemia, che in queste settimane così drammatiche per il nostro Paese hanno lavorato senza sosta, in prima linea, rischiando la loro stessa vita, per contrastare la diffusione del virus e limitarne significativamente l’impatto, dimostrandosi in tutto e per tutto, cittadini italiani.



La fase storica che l’Italia sta vivendo e vivrà ancora a lungo ha richiesto uno sforzo massivo di moltissimi lavoratori del settore sanità, italiani così come di altrettante persone che vivono e lavorano in Italia ma che, per legge, italiani ancora non lo sono. Ci sembra giusto, doveroso e rispettoso che questi medici, infermieri e operatori socio-sanitari che non si sono mai tirati indietro, sempre e perennemente in trincea durante questo periodo eccezionalmente drammatico, che hanno salvato la vita a moltissimi nostri connazionali, che hanno regalato sorrisi a tante persone che rischiavano di non vedere più i loro cari, che hanno portato da mangiare e da bere a tutti i ricoverati supportandoli con ogni forza disponibile nella battaglia contro il Coronavirus, siano legittimamente riconosciuti quali cittadini italiani.

Anche a loro va il nostro sentito ringraziamento.


Se anche tu sei d'accordo firma con noi!

 

Petizione promossa da Lucia CaridiGianluca PomoItalia Viva Provincia di Milano

 

 

Le firme saranno ritenute valide e conteggiate soltanto se provenienti da un indirizzo email reale e funzionante
Se dovessi aver già firmato la petizione, ti ricordiamo che una seconda firma non sarà conteggiata a sistema.

Sottoscrivi la petizione

661 Firme Obiettivo: 5.000

Letta l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del GDPR e della normativa nazionale in materia di protezione dei dati personali acconsento al trattamento dei miei dati personali: