L’UE introduca il caricabatteria unico

L’UE introduca il caricabatteria unico: per i consumatori e per l’ambiente



Vi sarà sicuramente capitato di chiedere in prestito un caricabatteria per il vostro smartphone. Ma quante volte non era compatibile con il vostro telefonino? Ne esistono infatti una moltitudine: usb-c, lightning, micro-usb, chi più ne ha, più ne metta, in un groviglio di cavi e fili.

È per questo che il Parlamento europeo, da oltre 10 anni, chiede alla Commissione europea di imporre alle grandi aziende tech la produzione di un caricabatteria unico, universale, che funzioni per tutti gli smartphone, tablet, e-reader, macchine fotografiche.

Il caricabatteria unico, infatti, apporterebbe numerosi benefici ai consumatori europei, che godrebbero di risparmi economici, maggiore comodità e semplicità. Ma non solo. Pensiamo anche all’impatto sull’ambiente: la produzione e lo smaltimento di svariati tipi di caricatori genera ingenti quantità di “rifiuti tecnologici”, una pratica non sostenibile e ingiustificata.

È arrivato, dunque, il momento di dire basta ai ritardi e ai rinvii: con forza, chiediamo alla Commissione europea di adottare, entro e non oltre il luglio 2020, tutte le misure necessarie per l’introduzione di un caricabatteria unico in tutta l’Unione Europea. Per i consumatori, per l’ambiente.


  Petizione promossa da Nicola Danti

 

 

Le firme saranno ritenute valide e conteggiate soltanto se provenienti da un indirizzo email reale e funzionante
Se dovessi aver già firmato la petizione, ti ricordiamo che una seconda firma non sarà conteggiata a sistema.

Sottoscrivi la petizione

2.455 Firme Obiettivo: 5.000

Letta l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del GDPR e della normativa nazionale in materia di protezione dei dati personali acconsento al trattamento dei miei dati personali: