territori Infrastrutture

Brennero, Bellanova impegna il Governo: "Velocizzare il Tunnel con il PNRR"

La notizia pubblicata dal "Corriere del Trentino", 10 settembre 2021.

Velocizzare la realizzazione del Brenner Basistunnel (Bbt) è priorità per l'Europa e per il Paese. Lo hanno ribadito tutti ieri mattina alla stazione ferroviaria di Brennero, per l'ultima fermata in Italia del Connecting Europe Express (Cee), il treno voluto dalla Commissione europea per sensibilizzare all'uso della mobilità sostenibile con un viaggio attraverso il continente, iniziato i12 settembre scorso a Lisbona per compiersi il 7 ottobre prossimo a Stati dopo aver toccato 26 Paesi e coperto oltre 20.000 chilometri.

La tappa conclusasi a Brennero era partita da Roma e il tempo di viaggio è servito ai passeggeri (rappresentanti istituzionali e portatori d'interesse) per fare il punto sullo stato di avanzamento del Bbt, la grande opera da 8,3 miliardi di euro che per fine 2028 dovrebbe fare da cerniera ferroviaria veloce tra Mitteleuropa e Mediterraneo, grazie a 230 chilometri di gallerie per coprire i 64 chilometri tra Fortezza e Tulfes (sopra Innsbruck), comprendendo nello sviluppo tutte le opere di supporto e i percorsi di servizio con le uscite di sicurezza, con il primo treno in transito previsto per il 2028, con una riduzione dei tempi di percorrenza a 25 minuti dagli 80 attuali. Intanto nel 2022, come assicurato dalla commissaria Paola Firmi, inizieranno i lavori d'accesso per il tratto Ponte Gardena-Fortezza.

«L'impegno del governo italiano è assoluto - assicura, scesa dal Cee, la viceministra alle Infrastrutture, Teresa Bellanova - per realizzare sistemi di mobilità sempre più efficaci, sostenibili, accessibili e velocizzare i movimenti di persone e merci. In particolare, il Bbt con tutte le opere in territorio italiano consentirà di valorizzare il corridoio scandinavo - mediterraneo e le relazioni tra nord e sud Europa».

Obiettivi concretamente nell'agenda, grazie ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), asserisce la viceministra. «Nel Pnrr - ribadisce Bellanova - abbiamo inserito le opere di adduzione come la circonvallazione di Trento e l'upgrading infrastrutturale e tecnologico della Verona-Brennero, che l'Europa ha accolto, approvando il piano presentato agli organi di Bruxelles».