28/04/21
parlamento pnrr

Boschi: “No a posizioni ideologiche solo per fare dispetto alla Lega”

Estratto dell'intervista di Alessandro Di Matteo, "la Stampa", 28 aprile 2021.

Ripensare l'orario del coprifuoco è doveroso, mantenere il limite delle 22 «sarebbe una follia». Maria Elena Boschi chiede agli alleati di governo di evitare posizioni «ideologiche» su questo tema e avverte: tenere tutto come è ora non fa «arrabbiare Salvini, ma gli italiani». E Pd e Lega devono «smettere di litigare» e «pensare al bene dell'Italia».

Italia Viva chiede di modificare il coprifuoco per non fare un regalo a Salvini. Non temete che i contagi possano ripartire col via alla vita notturna?
«Quando pensiamo di modificare il coprifuoco noi non pensiamo a Salvini, ma agli operatori culturali e commerciali, a cominciare dai ristoratori stravolti da mesi di chiusure. A noi stanno a cuore loro, non le posizioni di Salvini. Naturalmente occorre molta prudenza: vaccinare ancora di più e mantenere le precauzioni. Tenere chiuso dalle 22 per scelta ideologica sarebbe una follia. Il governo ieri si è impegnato a rivedere il coprifuoco nel mese di maggio e a farlo sulla base dei dati».

Matteo Renzi dice che nella maggioranza qualcuno sogna un "Papeete due". Vuol dire che Enrico Letta, secondo voi, punta a far uscire la Lega dal governo?
«Che qualcuno — anche nel Pd — sogni un autogol di Salvini è un dato di fatto. Che questo qualcuno sia Letta o altri non tocca a me stabilirlo. Credo che fare la battaglia sulle 22 per fare un dispetto alla Lega non faccia arrabbiare Salvini ma gli italiani».

Il Pnrr è stato approvato, un documento che non ha azzerato quello del governo precedente che voi avevate criticato molto. Italia Viva si aspettava di più?
«Questo Pnrr adesso ha un'anima, una visione. Ricorda il testo del 9 dicembre che Italia Viva bloccò aprendo — nei fatti — la verifica di governo con Conte? Era un testo totalmente diverso da quello di oggi. Il passaggio da Conte a Draghi non ha solo cambiato profondamente il Pnrr, ha cambiato il futuro dei nostri figli».

Chi lo desidera può leggere l'intervista completa a questo indirizzo.