elezioni 2022 territori

Bonifazi: "Firenze regala al Terzo Polo uno dei risultati migliori d'Italia"

Le attività ed i successi che portiamo avanti dipendono dall'impegno di ognuno di noi. Ogni contributo è importante.
dona italiaviva

Intervista di Ilaria Ulivelli, "la Nazione", 28 settembre 2022.

Francesco Bonifazi eletto. Soddisfatto del risultato del Terzo polo?
«Tanto. Firenze regala al Terzo Polo uno dei risultati migliori d'Italia. È la dimostrazione di come una parte consistente di italiani sia stanca di populismi e false promesse e abbia voglia di concretezza».

A Firenze Renzi ha il suo peso. A chi avete preso i voti?
«Abbiamo attratto anche una parte dell'elettorato di centrodestra, ma a Firenze in particolare abbiamo catalizzato tanti delusi del Pd. Nessuna richiesta e nessuna recriminazione da parte nostra, ma Eugenio Giani e Dario Nardella non possono ignorare un dato oggettivo».

Ha fatto meglio Renzi a Firenze, con Saccardi, che Calenda a Roma. Contenti?
«II nome dl Renzi a Firenze ha sempre un forte richiamo. Il fatto che anche in Lombardia sia andato molto bene dimostra che, al contrario di quel che sosteneva Letta, più che perdere voti ne fa guadagnare. Nessuna competizione con Calenda. Non è stata una gara ma un risultato ottenuto grazie al lavoro di squadra dei due leader e di chi si è speso sul territorio».

Tutti dicono che due galli in un pollaio (Renzi e Calenda) resisteranno poco...
«Il nostro simbolo contiene un richiamo a Renew Europa, la famiglia europea di Azione e Italia Viva. Un contenitore riformista e liberale che costruiremo anche in Italia sulla scia di quanto realizzato in Francia da Macron: di fronte a un progetto cosi ambizioso, le pare che si possa discutere di simpatie e caratteri?».

Ieri Iv in consiglio regionale ha proposto una mozione alla riforma della guardia medica voluta dalla giunta Giani e l'ha votata con le opposizioni. Sintomo di un cambio di equilibri?
«Noi riformisti siamo abituati a fare la cosa più giusta peri cittadini, non a piantare bandierine. La mozione di Italia Viva riflette una scelta di buon senso che nulla ha a che fare con gli equilibri politici».