Infrastrutture turismo

Bellanova: "Sono in arrivo 39 milioni per la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese"

La notizia su "la Gazzetta del Mezzogiorno", "Cronache Lucane" e altri quotidiani, 31 maggio 2021.

Da Caposele a Leuca, centinaia di persone hanno partecipato ai 23 eventi promossi dalle associazioni del Coordinamento dal Basso per la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese per «Una via per tutti, tutti per una via». Alla giornata ha partecipato a Lecce la Viceministra alle Infrastrutture Teresa Bellanova, che ha annunciato la disponibilità di ulteriori 39 milioni di euro per la Ciclovia all'interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, sottolineando che si tratta «una straordinaria occasione per il turismo lento e la tutela territoriale in Puglia e nel Mezzogiorno».

La Ciclovia/Viaverde dell'Acquedotto Pugliese è un ambizioso progetto per la costruzione di una infrastruttura per la tutela e fruizione del territorio. L'itinerario attraversa e racconta territori unici e meravigliosi, dall'Irpinia al Vulture, dall'Alta Murgia alla Valle d'Itria, dall'Arneo alla terra del Capo di Leuca. Non si tratta di una semplice e banale «pista ciclabile» su sede propria, riservata al transito veloce di ciclisti. La Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese è un itinerario narrativo che può aprire nuove strade di sviluppo per il turismo sostenibile nel Mezzogiorno.

Teresa Bellanova, in occasione della Giornata per la Ciclovia dell'Acquedotto pugliese, ha salutato i cicloesclursionisti nella tappa leccese ai piedi del serbatoio pensile in via Armando Diaz, confermando la forte attenzione del ministero verso quella che ha definito «una scommessa che può aprire nuove strade per la tutela territoriale e il turismo dolce nei territori meridionali».

«Questa attenzione trova anche recente conferma -, ha proseguito Bellanova -, nell'ammissione a finanziamento per oltre 420mila euro della proposta presentata, nell'ambito del programma di Azione e Coesione Infrastrutture e Reti 2014-2020 del nostro ministero, dall'Agenzia regionale strategica per lo sviluppo sostenibile, finalizzata alla pianificazione e programmazione degli interventi del tratto da Nardò a Santa Maria di Leuca».

Si tratta di «risorse considerevoli - ha proseguito la viceministra Bellanova - che si aggiungono ai 16 milioni di euro già stanziati, di concerto con Beni culturali e Politiche agricole, nell'ambito del più vasto programma dedicato alle ciclovie turistiche, finalizzati alla redazione del progetto di fattibilità tecnica e alla realizzazione dei primi lotti funzionali, e in parte già erogati con le due tranche di 800mila euro nel 2017 per il progetto di fattibilità tecnica ed economica e, nei giorni scorsi, con l'anticipazione di quasi 8 milioni alle tre regioni come anticipazione per la realizzazione dei primi lotti funzionali della Ciclovia, come richiesto dalla Regione capofila Puglia».