08/10/19
Italia Viva Governo

Bellanova: "Fiducia a Conte, ma le differenze ci sono"

Bellanova: "Fiducia a Conte, ma le differenze ci sono"
Intervista di Antonella Coppari, QN-Il Giorno-La Nazione, 8 ottobre 2019

È la ministra dell'Agricoltura, ma è anche una donna battagliera. Teresa Bellanova non ha paura di dire la sua nemmeno sulla polemica del giorno, quella che vede protagonista Italia Viva e il suo leader, Matteo Renzi, sul Russiagate.

Se il premier Conte non darà spiegazione sul via libera ai colloqui fra il ministro della giustizia americana Barr e i nostri servizi segreti, solleverà la questione in consiglio?
«Un`ipotesi che non prendo in considerazione. Mi auguro che il presidente Conte condivida la richiesta di fare chiarezza e anche di delegare una responsabilità così importante e delicata. Non per sfiducia nei suoi confronti ma per opportunità. Quel ruolo ha bisogno di competenze specifiche e impegno assoluto».

Lei è tra quelli che ritengono ci sia stato un disegno per screditare Renzi agli occhi dell'amministrazione americana?
«Dinanzi a una vicenda con profili poco chiari su temi così delicati, la polemica politica preferisce addensarsi su Renzi invece che nel merito. Addirittura si fa strada una ridicola accusa di complotto con Obama contro Trump. Si confondono le acque per eclissare le questioni. Spero che nessuno voglia prestarsi a questo gioco».

Il tema dei dazi quanto condiziono i rapporti del governo con gli Stati Uniti in questo momento?
«Sono temi differenti su tavoli differenti. Pensare a do ut des di qualche natura può essere maldestro. Il danno dei dazi è di assoluta rilevanza. Per questo la voce dell`Europa deve essere forte e chiara. Dobbiamo fare tutto quanto è in nostro potere per difendere il made in Italy. Anche, come ho proposto, una grande campagna di promozione che rafforzi nei cittadini americani la consapevolezza alimentare per scegliere tra vero e falso cibo».

In concreto, qual è il peso dei danni prodotti dai dazi nel nostro Paese?
«La riduzione dei volumi del nostro export è un danno enorme che si traduce anche in sostegno indiretto al finto made in Italy, uno dei veri obiettivi del protezionismo americano».

Vale a dire?

«Gli Stati Uniti rappresentano il mercato di sbocco più importante per i nostri vini e le produzioni di qualità e nel mondo ci sono 100 miliardi di euro di falsi prodotti italiani. Le recenti dichiarazioni dell'Associazione americana dei produttori di formaggio, che chiede di poter vendere le imitazioni dei formaggi italiani anche in Europa, non lasciano dubbi sul vero obiettivo. Prima abbiamo voluto che il mondo si aprisse totalmente, adesso proclamiamo ad arte muri e barriere. Forse è tempo di misurare le nostre intelligenze su come costruire una globalizzazione ben temperata. Credo che se lo stia chiedendo anche un pezzo di politica statunitense».



Intanto, in meno di un mese e mezzo, sono emerse numerose divisioni nella maggioranza: pensa che il governo possa seriamente delineare una strategia di lungo respiro?
«Ho chiari i motivi per cui il governo è nato, a partire dalla sterilizzazione delle clausole Iva. Lei ricorda il grido di allarme che si era levato dalle categorie e dai consumatori. Se lo abbiamo fatto per ridare slancio e fiducia, questa è la direzione. Niente scorciatoie né derive, lavoriamo perché il sistema-paese torni a crescere. Se il leader di una forza di maggioranza dice la sua, forte dell'esperienza riformista maturata alla guida dei Paese e dei risultati raggiunti, non vedo nessuno scandalo. Per noi questa legislatura arriva al 2023. Non siamo contro il Governo, siamo contro l`aumento delle tasse».

Ma le divisioni possono essere recuperate o l`esecutivo giallorosso rischia davvero?
«Se ci misuriamo nel merito le differenze sono vitali. Non capisco l'agitazione di molti. Italia Viva è un soggetto politico nuovo. Renzi il leader che ha permesso che il governo prendesse forma. Facendo valere prioritariamente l'interesse del Paese ha modificato in 24 ore lo stato delle cose. Sembra che più di qualcuno non glielo perdoni».

A conti fatti, non ero più realistica la proposta di un governo di sei mesi avanzata proprio da Renzi appena si è aperta la crisi?
«La proposta era un governo istituzionale che coglieva la gravità del momento. Si è scelto di costruire un programma, a quel programma Italia Viva si sente vincolata».

A proposito: oggi voterete la riduzione dei parlamentari, una riforma che nei tre passaggi precedente non avete sostenuto. Come risponde a chi parla di voltafaccia?
«Abbiamo approvato durante il governo Renzi una riforma costituzionale che contemplava, tra le altre cose, una riduzione del numero dei parlamentari e il Senato delle autonomie. Alcuni che in Parlamento avevano detto sì, poi sono stati tra i protagonisti del referendum che l`ha bocciata. Questo a proposito di voltafaccia. L'intesa è parte della mediazione raggiunta nella definizione del programma di governo. In ogni caso, il punto è come tenere insieme riduzione dei parlamentari e qualità e quantità della rappresentanza territoriale. E' un nodo dirimente».