territori

Assemblea provinciale a Cosenza, Magorno: "Supereremo il 3% di molto"

La notizia sul Quotidiano del Sud, 6 agosto 2022.

E` partita ieri da Cosenza la campagna elettorale di Italia Viva in Calabria, e il supporto di Ernesto Magorno Matteo Renzi non potrebbe essere più netto. Il coordinatore regionale esprime il suo appoggio totale alla decisione del leader del partito centrista di correre da solo alle elezioni del 25 settembre prossimo. Mostrandosi fiducioso rispetto all`ipotesi del superamento della fatidica soglia del 3 %, indispensabile per entrare in Parlamento.

«Non solo ce la faremo, ma Renzi sarà in grado in pochi mesi di fare lievitare esponenzialmente i consensi» - è il pronostico di Magorno durante l`assemblea provinciale del partito, tenutasi ieri nel Salone degli stemmi del palazzo di piazza XV marzo. Annuncia una discesa in campo senza tentennamenti il sindaco di Diamante e glissa su eventuali indicazioni sulle nomine, assicurando carta bianca all`ex premier: «Saprà lui chi candidare e che forze dispiegare. Noi faremo la nostra parte con una campagna capillare in tutta la regione. Oggi la vera battaglia da combattere è questa: riabilitare il ruolo della politica tout court agli occhi dei cittadini, che ormai guardano ai propri rappresentanti con troppa disaffezione».

Sul fronte del programma elettorale, riflettori puntati su comparto sanità- «da risanare a tutti i costi» - e valorizzazione degli enti locali, «cercando di intercettare meglio le voci provenienti dai territori». Mentre per il Pnrr, l`auspicio è quello di colmare il vulnus della pubblica amministrazione, per sfruttare realmente i fondi stanziati dal maxifinanziamento europeo. Una parentesi a parte merita il reddito di cittadinanza, con qualche distinguo sulla linea nazionale: «E` una misura che senz`altro va rivista, ma per onestà devo dire che ha reso giustizia di alcune sacche di povertà. Bisogna correggere la normativa e imporre che si accetti il lavoro alla prima chiamata».

Di «entusiasmo ed orgoglio» per una sfida «difficile ma decisiva» parla il coordinatore provinciale IV Davide Lauria: «Abbiamo autonomia e dignità; rifiutiamo categoricamente la logica del diritto di tribuna perché noi, al contrario dei nostri avversari, mettiamo in campo le idee. E` la prima volta che corriamo alle politiche, e io rivedo oggi lo spirito, la passione, l`impegno, la visione dei primi tempi».

Bocciatura netta alla strategia delle «marmellate indistinte» siglate in casa Pd anche dall`altra coordinatrice Giuseppina Carricato: «Le alleanze si fanno dopo essersi confrontati sulle proposte. Noi siamo quelli dei contenuti e fino ad ora abbiamo fatto tanto; dobbiamo saperlo raccontare alla gente».

Valutazione condivisa pure da Nunzia Paese, che sottolinea lo «straordinario risultato portato a casa negli ultimi anni», e guarda al rilancio di lavoro e infrastrutture come ai punti focali del programma elettorale. La proposta della terza coordinatrice IV è quella di una Calabria unica zona economica speciale, per attrarre finanziamenti a pioggia e intervenire su snodi nevralgici della regione. Come la statale 106 e il porto di Crotone, «da trasformare in un punto di riferimento per il Mediterraneo». E sul versante rifiuti, Paese lancia l`allarme: «Dopo 16 anni di commissariamento e 2 miliardi di spesa è arrivato il momento di risolvere il problema. Costruiamo nuovi impianti di riciclo o ammoderniamo una volta per tutte quello di Reggio. Ogni giorno mandiamo in Svezia 300 tonnellate di spazzatura al prezzo di 380 euro a tonnellata».