territori sociale

Accoglienza dei minori, il caso a Roma. Moretto: "Aiuti ai piccoli Comuni"

La notizia pubblicata da "la Nuova Venezia" e "il Gazzettino", 11 novembre 2021. 

È arrivato sul tavolo del Ministero dell'Interno l'allarme lanciato dal sindaco di Fossalta di Portogruaro sulla gestione dei minori stranieri non accompagnati. Grazie ad un'interrogazione della deputata di Italia Viva, Sara Moretto, il Viminale dovrà dire quali iniziative intenda mettere in campo per sostenere i Comuni, soprattutto quelli medi e piccoli, che si trovano di punto in bianco a dover gestire l'arrivo nel proprio territorio di minori stranieri non accompagnati, com'è successo la scorsa settimana a Fossalta di Portogruaro quando, all'altezza dell'autogrill di Fratta, sono stati recuperati 7 giovani afgani, tutti tra i 15 e i 17 anni.

Dopo l'identificazione, i minori sono stati portati al Centro di accoglienza di Udine. Secondo la legge sono i Comuni a doversi farsi carico della spesa, che in questo caso è di 105 euro al giorno a minore. Il sindaco Natale Sidran ha lasciato l'allarme per i possibili effetti negativi al bilancio comunale, perché da qui a fine anno dovranno infatti essere trovati e messi a bilancio 55mila euro, mentre per il 2022 la spesa salirà a 145mila euro che, per un Comune di seimila abitanti, si traduce in tagli forzati su altri servizi. Una situazione che, nei mesi scorsi, ha riguardato nel Portogruarese anche i Comuni di Cinto Caomaggiore, Gruaro e San Michele al Tagliamento. "Dalla scorsa estate sono molti i sindaci che mi hanno contattato per sottopormi il problema - ha detto la deputata Moretto  - sicché ho chiesto al Ministero di intervenire per garantire l'assistenza a questi minori non accompagnati e al contempo la sostenibilità finanziaria degli interventi degli enti locali in maggiore difficoltà. La gestione del fenomeno, di nuovo in costante crescita, finisce infatti col gravare sui Comuni, spesso di piccole dimensioni e con bilanci di portata finanziaria estremamente ridotta".

"Il sistema di prima e seconda accoglienza gestito direttamente dal Ministero dell'Interno e dalle Prefetture gestisce solo una parte dei minori - prosegue la deputata di lv -, lasciando la rimanente parte alle strutture di ospitalità dei Comuni o a quelle convenzionate, che li sostentano con risorse finanziarie proprie. Il Ministero dell'Interno eroga trimestralmente ai Comuni, che ne facciano richiesta, tramite le Prefetture, un contributo giornaliero per ospite nella misura massima di 45 euro. L'erogazione avviene però dopo mesi dalle delibere comunali, costringendo i sindaci ad anticipazioni di cassa".

"Il Ministero - conclude Moretto - deve intervenire". Intanto, l'amministrazione di Fossalta di Portogruaro ha fatto sapere di essersi attivata per la richiesta sia dei contribuiti ministeriali che regionali. Il tema coinvolgerà anche la Conferenza dei sindaci della Venezia orientale.