Teresa Bellanova

 

 

 

Teresa Bellanova (1958), originaria di Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi. Vive a Lecce.

 

Il suo impegno politico inizia da giovanissima nelle lotte contro il caporalato sulla collina brindisina, tanto da farle dire una volta divenuta parlamentare nel 2006: “Allora come oggi la rappresentanza del lavoro e la difesa dei diritti delle persone costituiscono il tratto caratteristico ed irrinunciabile del mio impegno politico e sindacale e la mia stessa dirittura di vita”.

 

A 15 anni viene eletta capolega alla Camera del Lavoro di Ceglie Messapica. Il percorso nel sindacato la porta a ricoprire diverse funzioni: coordinatrice regionale delle donne di Federbraccianti in Puglia, segretaria generale provinciale della Flai (Federazione dei lavoratori dell’agroindustria), componente della Segreteria nazionale Filtea, con delega alle politiche per il Mezzogiorno.

 

Nel 2006 entra in Parlamento dove svolge, prima alla Camera e poi al Senato, un’attività serratissima sui temi del lavoro, sviluppo economico, politiche industriali, tutele occupazionali, presenza femminile sul mercato del lavoro. La lotta alle dimissioni in bianco, al lavoro nero e al caporalato sono stati e sono tuttora elementi caratterizzanti la sua azione politica.

E’ stata Sottosegretaria al Lavoro e Viceministra dello Sviluppo economico nei governi Renzi e Gentiloni.

 

Il 5 settembre 2019 è stata nominata Ministra alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del Governo Conte.