05/09/20
lavoro parlamento sanità coronavirus

Smartworking per i positivi asintomatici, Parente: "Trovare un equilibrio fra diritto al lavoro e diritto alla salute"

L'intervento pubblicato da QN/la Nazione/il Giorno, 5 settembre 2020.

Positivi, ma asintomatici? Niente smart working. Neanche se si sta bene e si può farlo in isolamento da casa. La prescrizione, che equipara la positività al Coronavirus alla malattia sempre e comunque, prevista dai decreti e dalle circolari del lockdown, rischia di rivelarsi un vero boomerang in queste settimane di ripresa del contagio. I costi personali (anche retributivi) e professionali per i singoli, quelli delle aziende e quelli dell'economia italiana e delle casse dell'Inps, derivanti da una norma di questa natura possono essere esponenziali in vista della seconda ondata autunnale di contagi.

E così da più parti si punta l'indice contro una regola da Stato iperassistenzialista e si sollecita una sua revisione o una sua interpretazione più elastica. Va in questa direzione la proposta di Anna Maria Parente, presidente della commissione sanità del Senato, ma anche responsabile lavoro e welfare di Italia Viva: «È una questione su cui riflettere proprio una vista dell'autunno. La quarantena è stata finora equiparata alla malattia perché il diritto alla salute è preminente in caso di epidemia. Ma noi legislatori dobbiamo trovare sempre un equilibrio tra diritto al lavoro e diritto alla salute, entrambi costituzionalmente previsti. E allora una soluzione potrebbe essere che, previa autorizzazione del medico, si possa consentire il lavoro da remoto per chi è positivo ma non sviluppa sintomi. Auspico su questo un percorso di confronto tra le parti sociali, rappresentati dei datori di lavori e lavoratori».