Per un referendum contro il reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è una misura che non funziona.

 

Lo dimostrano i numeri, inoppugnabili: primo fra tutto il dato Anpal che ci dice che solo il 3,8% dei beneficiari ha trovato un lavoro, peraltro raramente a tempo indeterminato (e non si ha certezza che lo abbia trovato grazie ai navigator). Lo dimostra per l’appunto il fallimento dei navigator e la ingloriosa fuga del professor Parisi in Mississippi. Lo dimostra l'aumento della povertà che qualche ministro aveva abolito da un terrazzo di Palazzo Chigi. Lo dimostra l'allarme ripetuto dei sindaci italiani. Lo dimostrano le cronache giudiziarie dove sono sempre più numerosi i casi di criminali che ricevevano il Reddito. Lo dimostra il dato che calcola nel 30% la percentuale di persone che lo prendono indebitamente, per evasione o truffe: stiamo parlando del 38% delle somme erogate, circa 3 miliardi.

Chiedere di cambiare è non solo politicamente legittimo ma anche moralmente doveroso: nei confronti di chi si trova in reale difficoltà e nei confronti dei cittadini che con le loro tasse contribuiscono, come è giusto che sia, alla redistribuzione delle ricchezze ma che hanno il sacrosanto diritto di vedere i loro denari stanziati in misure efficaci, non usati per riempire le tasche di molti, troppi furbetti.

Noi siamo per dare una mano a chi non ce la fa. Ma pensiamo che sia sacrosanto che la prima mano ciascuno se la dia da solo, mettendosi in gioco. Se poi uno fallisce, lo Stato deve aiutare. Ma l’idea che si parte dalla certezza di un reddito in quanto cittadini e questo permetta di rifiutare la fatica dell’impegno in nome della pigrizia del sussidio è insopportabile.

Vogliamo quindi un referendum e che siano i cittadini a scegliere se continuare con un sistema che costa miliardi di euro e che plasticamente non funziona.

 

 


 

Petizione promossa da Matteo Renzi

Le firme saranno ritenute valide e conteggiate soltanto se provenienti da un indirizzo email reale e funzionante
Se dovessi aver già firmato la petizione, ti ricordiamo che una seconda firma non sarà conteggiata a sistema.




 

Sottoscrivi la petizione

50.92%
5.092 Firme
Obiettivo: 10.000
Firmare ora
L'indirizzo scelto non è completo

Letta l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del GDPR e della normativa nazionale in materia di protezione dei dati personali acconsento al trattamento dei miei dati personali: