Europa inhomepage

Quale Europa dopo pandemia e guerra? 4 panel e grandi ospiti per uno sguardo sul futuro

Previsti quattro panel, numerosi ospiti e l'intervento di Matteo Renzi, durante il nostro evento dedicato all'Europa che verrà, in programma mercoledì 6 aprile 2022.

È stato un pomeriggio intenso, quello che ha visto i parlamentari di Italia Viva - insieme a grandi ospiti, amici, colleghi ed esperti sul tema - lanciare uno sguardo sull'Europa del futuro, già oggi protagonista di cambiamenti profondi e al centro di una svolta epocale, dopo due anni di Covid e alla prova del conflitto in Ucraina.

È stato appunto questo il focus dell'evento "Quale Europa dopo pandemia e guerra?", andato interamente in onda su Radio Leopolda nel pomeriggio di mercoledì 6 aprile 2022.

L'appuntamento si è svolto attraverso quattro panel di confronto e dialogo politico tra parlamentari italiani e di molti paesi europei, per concludersi con una riflessione di Matteo Renzi.

Nicola Danti, vice presidente di Renew Europe, e Sandro Gozi, segretario generale del Partito Democratico Europeo, è stato affidato il compito di introdurre e coordinare i lavori. Apertura, dunque, con un discorso sulla visione di Renew Europe per il futuro dell'Europa. 

"Quando si parla di Europa, bisogna farlo individuando un campo comune. Sicché è bene farlo insieme ad amici che condividono con noi l'esperienza di Renew Europe e che affronteranno con noi le sfide che ci attendono", ha detto Nicola Danti introducendo l'evento. 

"Esistono per noi due temi molto importanti: il ruolo delle famiglie politiche, e per noi è quella di Renew Europe, e l'altro è il tema di ricostruire l'Europa e proiettarsi verso il futuro, in un mondo che ormai è fatto di imperi", ha sottolineato Sandro Gozi, coordinatore del primo panel, a commento della riflessione del primo ospite, Stéphane Séjourné, Presidente di Renew Europe, che ha voluto ricordare appunto il ruolo e l'importanza del percorso comune entro la nostra famiglia politica.

Il primo panel è stato dedicato alle istituzioni europee ed ai processi decisionali, cercando di immaginare insieme il futuro che ci attende, entro il contesto del ruolo dei partiti politici. Il panel ha visto la presenza di Guy Verhofstadt, Copresidente del comitato esecutivo alla Conferenza sul futuro dell'Europa, il quale ha sottolineato che "Dobbiamo gestire le competenze dell'UE perché altrimenti non riusciremo ad avere un ruolo decisivo nello scacchiere mondiale". Con lui, hanno dialogato Ilhan Kyuchyuk, Co-Presidente del Partito dell’ALDE, che ha ribadito la necessità di riforme strutturali e Laura Garavini, Vice Presidente del Gruppo Italia Viva al Senato, che ha ricordato la risposta forte e coesa dell'Europa, dinanzi all'aggressione russa all'Ucraina. Conclusioni affidate ad Ettore Rosato, Vice-Presidente della Camera dei Deputati e Presidente Iv, il quale ha ribadito la necessità di parlare con voce unica, per rafforzare i nostri valori di cittadini europei. Con un sogno: quello degli Stati Uniti d'Europa.

Il tema del secondo panel è stato "La governance economica post crisi". Luigi Marattin, Presidente della Commissione Finanze della Camera, coordinatore del dibattito, ha affermato la necessità di aggiornare e semplificare la normativa fiscale europea. Irene Tinagli, Presidente della Commissione Affari Economici del PE, si è soffermata sulla clausola di salvaguardia, sottolineando l'impossibilità di tornare, dopo pandemia e guerra, alle vecchie normative. Con loro, ai microfoni di Radio Leopolda, Louis Garicano, MEP per ALDE e professore di economia, nonché Dragos Pislaru, Presidente della Commissione Occupazione del PE, ed il deputato di Iv, Massimo Ungaro, che ha affermato come sia impossibile dedicarsi ai temi economici, senza affrontare i temi sociali.

Una riflessione sui valori e la cultura europei in un mondo che cambia è stata al centro della terza sessione. A coordinare i lavori il Sottosegretario all'Interno Ivan ScalfarottoSophie In’t Veld, Capogruppo di Renew Europe nella Commissione sulle Libertà Civili in PE, ha operato una riflessione sul sistema intergovernativo, che difende gli interessi ma non i valori. A seguire, l'intervento di Katalin Cseh, Vice-Presidente del Gruppo Renew Europe, Partito di opposizione ungherese Momentum. Gennaro Migliore, Presidente dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, infine, si è collegato dal confine tra Romania e Ucraina.

Il quarto ed ultimo panel ha affrontato il tema dell'autonomia e dell'indipendenza strategica dell'Europa. Fra i protagonisti di questo panel il nostro Nicola Danti, che ha sottolineato come il ruolo delle crisi che stiamo attraversando è anche quello di aprirci a nuove possibilità. Con lui, si sono confrontati Marie-Pierre Vedrenne, Vice-Presidente della Commissione Commercio Internazionale del PE; il deputato di Iv, Matteo Colaninno, membro della Commissione Affari Europei ed il senatore Iv, Ernesto Magorno, Segretario del Copasir.

Lo speciale si è concluso con un'ampia riflessione di Matteo Renzi, che ha toccato, naturalmente, i temi legati al conflitto in corso in Ucraina, passando per le elezioni presidenziali francesi, per terminare, infine, con un appello alla "Generazione Ventotene". 

L'intero evento si è svolto in diretta su Radio Leopolda, la radio ufficiale di Italia Viva, e sui canali social e web del partito.


Rivedi qui la diretta dei lavori
Rivedi qui l'intero evento su YouTube.
Guarda qui la playlist su YouTube
Leggi e riguarda l'intervento conclusivo di Matteo Renzi
Riascolta gli speciali su Radio Leopolda.