25/09/20

Napoli, la conferenza stampa di Matteo Renzi ed Ettore Rosato: "Italia Viva è una colonna per la Campania"

L'appuntamento all'Hotel Mediterraneo, durante il quale Renzi e Rosato hanno incontrato simpatizzanti e stampa, per fare il punto sulle recenti elezioni regionali, 25 settembre 2020.

"Le donne e gli uomini di Italia Viva a Napoli e in tutta la Campania hanno avuto un risultato incredibile, superiore anche a quello della mia Toscana. È un punto di partenza straordinario". A dirlo è Matteo Renzi, a margine della conferenza stampa che il fondatore di Italia Viva ha tenuto a Napoli, venerdì 25 settembre, presso gli spazi dell'Hotel Mediterraneo, insieme al coordinatore nazionale Iv, Ettore Rosato, vice Presidente della Camera dei Deputati. L'appuntamento è stato dedicato a fare il punto, dopo la recente tornata elettorale, che ha visto Iv affermarsi in Campania con un risultato eccellente.

Per Renzi, "questo è solo l'inizio. Ci attendono a Napoli, Caserta e Salerno le amministrative nel 2021 e ci attendono i ballottaggi in diversi comuni, peraltro in alcuni abbiamo già chiuso al primo turno. Su tutti, sottolineo lo straordinario risultato di Ercolano dove Ciro Buonajuto con il suo 80% e con il 20% di lista di Italia Viva ha dimostrato di che pasta è fatto".

Un risultato talmente buono che "questa sera la pizza la devo pagare io, questa era la scommessa", ha sottolineato Renzi, scherzosamente, dinanzi alla sala gremita dell'Hotel Mediterraneo.

L'appuntamento napoletano, infatti, ha visto la presenza di una foltissima rappresentanza degli esponenti campani di Italia Viva, a partire dai parlamentari - Vincenzo Carbone, Gennaro Migliore, Michela Rostan e Catello Vitiello - e dai neo eletti consiglieri regionali Iv - Vincenzo Alaia, Francesco Iovino, Tommaso Pellegrino e Vincenzo Santangelo. Presenti, naturalmente, tutti i coordinatori provinciali delle città campaneGiovanni Palladino e Nicola Caputo, cui è andato il ringraziamento dei vertici per lo sforzo profuso nell'organizzazione delle candidature e della campagna; nonché tutti i candidati di Italia Viva, uomini e donne che con coraggio e generosità hanno dato il loro contributo alla campagna elettorale.

"Italia Viva ha dimostrato di che pasta è fatto il nostro partito. C'è moltissimo da fare ma Italia Viva è una colonna per la Campania e penso anche un modello per il Paese", ha proseguito Renzi.

"A Napoli  - ha spiegato Renzi - avremo un candidato e avremo ovviamente le primarie, quindi giocheremo la partita a Napoli, Caserta, Salerno. Come in tutto il territorio saremo presenti all'interno della coalizione con le nostre donne e i nostri uomini, poi la coalizione sceglierà, io spero tramite le primarie, i candidati a sindaco".

"Napoli è una città strepitosa che chiude un decennio di amministrazione de Magistris, si tratta ora di scrivere una pagina nuova. Quello che ci dice il risultato delle regionali è che in questa pagina nuova avremo un ruolo importante da protagonisti e sono molto contento", ha sottolineato Renzi.

Per quanto riguarda i prossimi impegni a livello regionale, Renzi ha ribadito che "De Luca può puntare sui nostri 4 consiglieri regionali e sui nostri 4 parlamentari. Ora bisogna portare a casa le promesse elettorali".

"Assolutamente sì, piano piano", ha poi risposto Renzi a chi ha chiesto se l'obiettivo sia di diventare il secondo partito della coalizione. "Intanto abbiamo sorpassato la Lega in Campania ed è una bella soddisfazione perché me lo ricordo cosa diceva Salvini dei napoletani. Il prossimo anno alle amministrative puntiamo a sorpassare anche i Cinque Stelle grazie al radicamento di donne e uomini straordinari".

Venendo all'attualità, Renzi ha commentato alcuni dei punti chiave del dibattito politico nazionale. "È allucinante che non sia partita la procedura del Mes, lo diremo al presidente del Consiglio quando ad ottobre verrà in Aula", ha spiegato Renzi. Mentre, per quanto riguarda la futura legge elettorale, Renzi ha ribadito di essere "per il maggioritario" ma che, tuttavia "non sarebbe una catastrofe il proporzionale, perché il punto vero è che se si vuole un proporzionale ci vuole uno sbarramento al 5%".

"Se si vuole il maggioritario - ha aggiunto Renzi - spero che ci sia un ballottaggio dove, come accade per i sindaci, alla fine i cittadini possano decidere e scegliere in libertà chi governa per 5 anni".

"Non sono preoccupato", Matteo Renzi ha, infine, risposto così ai cronisti che gli chiedevano se fosse preoccupato della tenuta del governo dopo le tensioni interne al M5S scaturite dopo il risultato alle elezioni regionali. 

"Oggi siamo qui a Napoli con Matteo Renzi - ha sottolineato Ettore Rosato nel suo intervento, durante la conferenza stampa - per festeggiare l’ottimo risultato di Italia Viva in Campania". 


"La differenza - ha spiegato il coordinatore nazionale Iv - la fa la squadra e la nostra squadra qui è stata grande. Grazie di cuore a tutti i nostri dirigenti, candidati e sostenitori e naturalmente agli elettori che hanno creduto nel nostro progetto innovativo e riformista".

"Insieme - ha concluso Rosato - faremo ripartire questa fantastica regione".