16/11/20
paese

Mantova, addio a Giorgio Maglia. Il cordoglio di Bonetti e Colaninno

La notizia su "la Voce di Mantova" e la "Gazzetta di Mantova", 16 novembre 2020. 

Per tutti era il maestro, quello che sia tra i banchi che nella vita non si può non apprezzare per il suo modo di fare sempre disponibile. Giorgio Maglia, morto ieri a 75 anni all'ospedale di Pieve per le complicanze del Covid, lascia un vuoto profondo nella politica. Uomo di sinistra, ma sempre di quella parte riformista che guardava oltre gli schieramenti, era stato un personaggio di spicco prima del Pci, poi di Pds, Ds e Pd per approdare poi a Italia Viva, dove aveva trovato l'humus ideale per dedicarsi ancora alla sua città, anche se non più dalla prima fila.

E dai vertici del partito mantovano, tra cui la ministra Elena Bonetti, il deputato Matteo Colaninno, e i due coordinatori provinciali Fabio Madella e Francesca Zaltieri, arriva ora un commosso attestato di stima: "La comunità di Italia Viva è profondamente scossa per la scomparsa di Giorgio Maglia, da sempre protagonista. generoso e competente della politica della nostra città. Giorgio ha riconosciuto da subito nelle idee di Matteo Renzi e nel progetto di Italia Viva la sua stessa visione riformista e ha quindi contribuito a costruire dalle fondamenta il partito mantovano. Uomo coraggioso, appassionato, intelligente ha sempre sostenuto, accompagnato, e incentivato tutta la nostra comunità, a partire dai più giovani, nei quali ha posto grande fiducia. Proseguiremo nel nostro impegno anche a nome suo facendo tesoro del suo insegnamento. La nostra vicinanza va a tutta la famiglia".