Europa Europarlamento

Gozi: "Francia e Italia diventeranno protagoniste del cambiamento europeo"

L'intervento pubblicato da "Der Spiegel", 28 settembre 2021.

Uno di quelli che conosce molto bene sia Roma che Parigi è Sandro Gozi. Nell'autunno 2017 è stato Segretario di Stato a Roma e avrebbe dovuto lavorare ad un accordo del quirinale con l'allora Ministro francese per gli Affari Europei, Nathalie Loiseau. Era un momento difficile per la politica europea. Macron aveva formulato visioni di vasta portata per l'Unione Europea nel suo discorso alla Sorbona, ma Angela Merkel le aveva respinte. Poco dopo, il primo governo populista italiano è salito al potere a Roma con Matteo Salvini e Luigi Di Maio del Movimento Cinque Stelle. Il Trattato del Quirinale è stato sospeso, Gozi è stato assunto come rappresentante del governo francese per gli Affari Europei. Per i populisti italiani si trattava di una provocazione: "Volevano persino revocare la mia cittadinanza italiana", ricorda Gozi.

Una politica economica e industriale generosamente finanziata dall'UE si adatta alla posizione di Parigi e Roma, che si sentono incoraggiate dopo il loro successo con i 750 miliardi di fondi dell'UE per il Recovery Plan. "Se il governo Draghi durerà fino alla fine della legislatura nel 2023 e Macron verrà rieletto", afferma l'ex Sottosegretario di Stato Gozi, che ora ricopre il ruolo di eurodeputato, "allora è chiaro che Francia e Italia diventeranno protagoniste del cambiamento europeo".

Draghi e Macron stanno quindi guardando entrambi con attenzione ai prossimi negoziati per formare coalizione di governo a Berlino. "Prima c'è il governo tedesco, meglio è per Roma e Parigi", afferma Gozi. "La nuova Europa non può che basarsi su tre pilastri, Francia, Germania e Italia".