12/05/20
territori Europa paese

Garavini e Ungaro: “Buon lavoro ai nuovi coordinatori di Italia Viva in Europa. Loro impegno per un’Italia più moderna e riformista”

L'intervento dei due parlamentari di Italia Viva.

“Buon lavoro ai nuovi coordinatori di Italia Viva Europa, Paola Marocchi e Niccolò Querci. E a tutti i coordinatori paese: Giovanni Baruzzi e Gabriella Moretti per la Germania, Antonella Scarinci e Sandro Maciocia per la Svizzera, Andrea Naccarato e Miriam Frosi per i Paesi Bassi, Giulia Forgnone e Louis Petrella per il Belgio. Profili di grande spessore che si vanno ad aggiungere alle coordinatrici e coordinatori indicati alcuni mesi fa per la Gran Bretagna, per la Francia e per i Paesi del Nord Europa, rispettivamente Maria Paola Emanuelli e Andrea Mattiello per il Regno Unito, Erica Badocco e Edoardo Chiozzi Mille Lire per la Francia, Luca Malosti e LIliana Poli per la Scandinavia. Che si affiancano ai componenti dell’Assemblea nazionale in rappresentanza degli italiani all’estero: Giulio Anichini, Francesca Bini, Cinzia Emanuelli, Angela Gallorini, Barbara Laurenzi e Noè Meiler. Incarichi che rispecchiano al 50% una rappresentanza tassativamente al femminile. Tutti accumunati da una grande passione per la buona politica e da esperienze multiculturali”.

Lo dichiarano in una nota i parlamentari eletti in Europa, Laura Garavini e Massimo Ungaro, a seguito della nomina dei coordinatori europei da parte del Presidente di Italia Viva, responsabile dell‘organizzazione, Ettore Rosato.

“Affermati professionisti provenienti da diversi settori - dalla chimica alla finanza, dalle lettere alle nuove tecnologie. Che hanno deciso di mettere le proprie competenze al servizio degli italiani nel mondo, impegnandosi nel coordinare e ideare le attività che Italia Viva promuove nei rispettivi Paesi. Con l’obiettivo di dare il proprio contributo nel promuovere quell’Italia più moderna, equa e riformista che come Italia Viva intendiamo realizzare – concludono Garavini e Ungaro - e che proprio dalle nostre eccellenze italiane all’estero può trarre grande impulso”.