25/06/20
territori immigrazione

De Filippo in visita all'hot spot di Pozzallo e Lampedusa: "La complessità del fenomeno va conosciuta bene"

La notizia su "Cronache Lucane", 25 giugno 2020. 

Tre giorni in Sicilia per il Comitato Parlamentare di Controllo sul l'attuazione dell'accordo di Schengen, di vigilanza sull'attività di Europol, di controllo e di vigilanza in materia di immigrazione del Parlamento italiano. Per Italia Viva era presente Vito De Filippo.

«Il fenomeno dell'immigrazione visto da qui è complesso - spiega il deputato Vito De Filippo, capogruppo di Italia Viva alla XII Commissione "Affari Sociali" - ma abbiamo avuto la certezza che prefetture e forze dell'ordine insieme agli amministratori locali hanno in mano le questioni con grande determinazione ed efficienza».

Sorge anche il problema del Covidl9 e accoglienza migranti in questa missione in Sicilia. Dopo la prima giornata a Ragusa e all'hot spot di Pozzallo, Vito De Filippo ha commentato:«Un approfondito incontro in prefettura con il Prefetto Filippina Cocuzza, il questore Pinuccia Albertina Agnello, il sindaco di Pozzallo, Roberto oAmmatuna, il comandante provinciale dei Carabinieri colonnello Gabriele Gainelli, il comandante provinciale della Guardia di finanza cololonnello Giorgio Salerno, comandante in II della Capitaneria di porto di Pozzallo, capitano di fregata (CP) Ferruccio Alessandro Grassia».

«Subito dopo abbiamo visitato l'hot spot di Pozzallo. La complessita del fenomeno dell'immigrazione merita di essere conosciuta e il Comitato Schengen bene ha fatto ad organizzare una missione sul campo. I vertici istituzionali del posto e le forze dell'ordine stanno facendo un lavoro straordinario ed oggi ci hanno descritto un'attività difficile ma fatta con sicurezza ed efficienza. All'Italia tocca sempre di pia un ruolo di protagonismo europeo e globale per far comprendere che il dramma di tanti uomini, di tante donne e tanti bambini non può che essere affrontato con una azione comune strategica, umanitaria e dimensionata alle tante tragedie che la geopolitica e le crisi economiche internazionali propongono», ha spiegato De Filippo.

Poi De Filippo, sulla questione del Coronavirus ha aggiunto: «Hanno salvato ventotto migranti in acque internazionali dalla nave Sea Watch e sono stati imbarcati sulla nave-quarantena Moby Zazà coloro che sono risultati positivi al Covid-19».