parlamento inhomepage

Boschi: “Italia Viva non andrà mai con Conte, Salvini e Meloni. Se c'è chi vuole stare con loro deve dirlo chiaramente”

Estratto dell'intervista di Maria Teresa Meli, "Corriere della Sera", 15 novembre 2021.

Onorevole Boschi, Italia Viva è nell'occhio del ciclone: lei, come alcuni osservatori, ritiene che così tentino di condizionarvi sui giochi per il Quirinale?
«No, io non lo penso. Perché con noi questi giochetti non funzionano. Se ne sono accorti quando hanno tentato la stessa operazione per difendere Conte. Non ci siamo fermati e oggi con Draghi l'Italia è più forte».

Pare che dieci vostri parlamentari vadano via.
«Esattamente ciò che è successo a gennaio 2021. Solo che stavolta le veline non le passa più Casalino, ma alcuni amici del Pd. A chi dice che Iv è in crisi suggerisco di farsi un giro alla Leopolda da venerdì a domenica. Troveranno entusiasmo e tanti progetti per il futuro».

In Iv però c'è chi è a disagio per i rapporti a destra. Gennaro Migliore, per esempio.
«Non so a quale disagio si riferisca. So che nel 2019 abbiamo mandato a casa Salvini mentre l'allora gruppo dirigente del Pd voleva regalargli i pieni poteri dopo il Papeete andando alle elezioni anticipate. Siamo contro i populisti di destra, ma contro anche i populisti grillini che in questa settimana hanno chiuso l'accordo con il Pd a Bruxelles. Noi siamo un'altra cosa rispetto a Salvini e Meloni, ma anche rispetto a Conte e Di Maio. Su questo tutta Italia Viva la pensa allo stesso modo. Se qualcuno vuole andare con sovranisti o grillini lo dica. Non avrà il mio consenso, ma avrà il mio rispetto».

Alle Politiche andrete col Pd, nonostante il M5S?
«Noi non staremo mai coi grillini o con la destra sovranista. Cercheremo orgogliosamente la strada del riformismo liberal democratico. Anche per questo abbiamo aperto il cantiere Renew Europe in Italia, sulla base del modello Macron. Comunque è molto presto per discutere delle prossime elezioni: il M5S non arriverà vivo all`appuntamento».


Chi lo desidera può leggere l'intervista completa sul "Corriere della Sera".