territori Infrastrutture

Aeroporto di Forlì, Marco Di Maio: "In arrivo 3 milioni, frutto di un lungo lavoro"

L'intervento su "il Resto del Carlino", 15 ottobre 2021.

Sono in arrivo 3 milioni di euro per l'aeroporto di Forlì ed è una bellissima notizia per il territorio romagnolo. Sono fondi previsti per le imprese che più hanno sofferto le limitazioni imposte per arginare il Covid.

Risorse erogate dalla Regione, ma rese disponibili in virtù del lavoro fatto da Governo e parlamento sul decreto legge sostegni (dl 41/2021, convertito in legge con la legge 69 del 2021) che ha messo a disposizione il fondo da cui vengono attinti i 3 milioni. E, ovviamente, questi stanziamenti sono possibili in ragione al fatto che l'aeroporto è stato riaperto; grazie all'investimento degli imprenditori, ma prima ancora grazie a un nostro intervento parlamentare e al lavoro che si fece per ottenere un nuovo bando di gestione, quando nessuno credeva più nella riapertura dello scalo.

Che oggi, invece, è una realtà ed è non solo giusto, ma anche doveroso che la Regione lo sostenga e che preveda anche ulteriori investimenti anche infrastrutturali. È bello vedere che oggi tutti fanno a gare per appuntarsi al petto la 'medaglietta' del Ridolfi. Anche questo è un successo, perché non ricordo la fila quando c'era da lavorare per evitare la definitiva chiusura e ormai non c'erano più speranze di riapertura; e tantomeno quando c'erano, addirittura, alcune forze politiche che remavano contro la riapertura. All`epoca era scomodo esporsi e in tanti sconsigliarono anche a me di farlo.

La politica, però, è fatta di idee e di azioni ispirate a ciò che si ritiene giusto, non per seguire il consenso a seconda delle convenienze del momento. Sostenere l'Aeroporto di Forlì (così come dare una mano allo sviluppo di altre infrastrutture anche in altre città) significa sostenere lo sviluppo dei territori che traggono benefici diretti e sull'indotto da questo investimenti. Continuiamo a lavorare in questa direzione, facendo squadra con chi ha voglia di adoperarsi concretamente e non solo sui media, a prescindere dalle sigle di partito e dalle idee politiche.